Arezzo: cosa fare fino al 6 gennaio » Fondazione Arezzo Intour - DMO Arezzo ( Tuscany )

Arezzo: cosa fare fino al 6 gennaio

EVENTI / Vivi Arezzo città del Natale
Magia, soprese e divertimento: fino al 6 gennaio scopri uno dei centri storici più magici d’Italia con Arezzo città del Natale. Qui, le più belle architetture cittadine sono colorate da singolari spettacoli di luci mentre al “Christmas village” allestito al “Prato”, è possibile divertirsi con la torre panoramica altra 40 metri, la pista di pattinaggio, il bosco incantato con il grande albero parlante, il planetario e lo “scivolo di ghiaccio”. Un cristal ottagonale accoglie il “Salotto del Prato” con una lounge area e un cocktail bar mentre ben venti casine di legno propongono prodotti enogastronomici e di artigianato tipici. Tra le novità piazza San Jacopo e piazza Risorgimento ospitano ogni giorno della settimana un mercatino tradizionale.

Informazioni: www.arezzocittadelnatale.it Facebook: Arezzo città del Natale; Instagram: arezzo_citta_del_natale

APPUNTAMENTI / Torna la Fiera Antiquaria
Il 4 e 5 gennaio ad Arezzo torna la Fiera Antiquaria, un appuntamento che da ormai 50 anni porta il nome della città toscana nel mondo. Quasi 300 banchi animeranno il centro storico presentando oggetti d’arte, mobili, gioielli, libri e stampe antiche, strumenti scientifici e musicali e ogni tipo di collezionismo tra modernariato, vintage e artigianato di qualità.
Informazioni: www.arezzointour.it; www.fieraantiquaria.it

APPUNTAMENTI / I Mestieri dell’Arte fra Tevere e Arno
Fino al 6 gennaio via Bicchieraia diventa la strada delle botteghe d’arte del territorio con “I Mestieri dell’Arte fra Tevere ed Arno”. Qui l’artigianato contemporaneo sarà presentato con dimostrazioni dal vivo e laboratori per far conoscere al pubblico i segreti dei mestieri d’autore: oreficeria, calzature su misura, manufatti in ferro battuto, oggetti in terracotta.
Informazioni: www.mestieridellarte.it

MOSTRE/ Mimmo Paladino. La Regola di Piero
Uno dei più importanti artisti contemporanei incontra uno dei suoi maestri: è questo il senso de “La regola di Piero” la grande mostra personale che, ad Arezzo fino al 31 gennaio 2020, presenta l’omaggio di Mimmo Paladino a Piero della Francesca. L’esposizione voluta dalla Fondazione Guido d’Arezzo e dal Comune di Arezzo e curata da Luigi Maria Di Corato, approfondisce il rapporto tra Paladino e Piero, una delle figure del passato che più hanno contato nella sua formazione e con la quale ha intrattenuto un dialogo costante in tutta la sua ricerca artistica. Oltre 50 opere danno vita a un percorso che tocca sei diverse sedi espositive e che porta alla scoperta di altrettanti luoghi simbolo del centro storico della città toscana.
Informazioni: 0575 356203; www.fondazioneguidodarezzo.com; www.laregoladipiero.wordpress.com; FB: Arezzo Cultura, FB: Arezzo Mostre

MOSTRE / Rousseau, Severini, Savinio e Magritte a Casa Bruschi
Fino al 12 gennaio 2020 ad Arezzo si respira l’aria delle avanguardie del Novecento: la Fondazione Ivan Bruschi, organizza la mostra “Incanti. Episodi della pittura europea al tempo delle avanguardie” che presenta opere di Henri Rousseau il Doganiere, Gino Severini, René Magritte e Alberto Savinio. Quattro maestri della modernità a confronto all’interno della Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi, ciascuno con un’opera che suscita un particolare incanto.
Informazioni: http://www.fondazioneivanbruschi.it

APPUNTAMENTI / Storie al caminetto
La Fondazione Ivan Bruschi con il sostegno della Fondazione Arezzo Intour e la collaborazione dell’Associazione Noidellescarpediverse, domenica 5 gennaio offre a tutti bambini un nuovo appuntamento ad ingresso libero con le fiabe e i racconti della tradizione natalizia. Alle ore 15.30 e alle ore 17.00 “Da dove arriva la Befana?”, i racconti interpretati dagli attori Samuele Boncompagni e Lenny Graziani, che diventeranno divertenti e colorati narrastorie per accompagnare i piccoli spettatori in un mondo fatto di fantasia e di strani personaggi.
Informazioni: http://www.fondazioneivanbruschi.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *